Mini guida agli Allenamenti Garmin

La piattaforma Garmin offre una svariata quantità di servizi che vanno in contro alle esigenzi di un po’ tutti gli atleti, tra questi uno dei più interessanti riguarda la possibilità di programmare e personalizzare gli allenamenti.

Chi pratica sport ad un livello leggermente superiore a quello amatoriale, spesso si trova a seguire piani di allenamento, tabelle o esercizi dedicati che vanno un po’ oltre le semplici ripetute sui 400 metri e non è sempre semplice registare e seguire l’allenamento in modo corretto. Gli allenamenti Garmin vengono incontro prioprio a queste esigenze perché una volta programmata la nostra routine, si dovrà semplicemente seguire le indicazioni del nostro dispositivo.

Gli allenamenti Garmin offrono la possibilità di personalizzare ogni singolo settore del nostro workout, dal riscaldamento, al recupero passando per il riposo, fino al defaticamento. Ma si va oltre, perché per ogni fase c’è la possibilità di stabilire la durata della stessa e anche un obiettivo, cioè in quale range di parametri quella fase vada eseguita.

Facciamo un piccolo esempio, supponiamo di dover eseguire medio progressivo a step di 10 minuti con 20 minuiti di riscaldamento e defaticamento “a sentimento“:

In questo caso dopo aver avviato l’allenamento, il nostro dispositivo inizierà a cronometrare 20 minuti di riscaldamento, al termine dei quali vibrerà con un piccolo countdown (e/o emetterà un suono) per avvisarci dell’imminente passaggio alla fase successiva, che consiste in 10 minuti di corsa ad un passo compreso tra i 4,37 e i 4,43 min/km, qui il display ci mostrerà le informazioni necessare a controllare che questa fase venga svolta il modo corretto. Le fasi si susseguono in autonomia fino al defaticamento, questa infatti non ha un tempo o una soglia limite ma per essere conclusa ha bisogno del nostro intervento, tramite la pressione del “pulsante lap“.

C’è ancora di più e riguarda quelle scritte che si possono notare subito sotto le fasi (“13.6km/h sul tappeto”…) che sono le “note“.

Le note si inseriscono subito dopo aver creato l’allenamento e sono un plus non indifferente, perché consentono di inserire qualsiasi indicazione si voglia che sarà visibile sul nostro display durante quella specifica fase. Nell’esempio sopra abbiamo inserito la velocità da impostrare sul tapis roulant nel caso in cui l’allenamento venga eseguito indoor.

Ecco quali sono le sequenze per la creazione dell’allenamento (gli screen provengono da web ma i passaggi non gli stessi anche se si eseguono da applicane mobile):

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *